La più grande comunità italiana sui videogiochi Total War di Creative Assembly
  

Total War: Warhammer | Total War: Attila | Total War: Rome 2 | Total War: Shogun 2
Napoleon: Total War | Empire: Total War | Medieval II: Total War | Rome: Total War

LEGGETE IL NOSTRO REGOLAMENTO PRIMA DI PARTECIPARE. PER FARE RICHIESTE DI SUPPORTO, LEGGETE PRIMA QUESTA DISCUSSIONE.

 

 
Print | Email Notification    
Author

Acquisto RTW2 Edizione Imperatore

Last Update: 9/18/2017 8:21 AM
8/23/2017 8:42 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote
OFFLINE
Post: 5,022
Registered in: 5/11/2010
Location: LATINA
Age: 33
Gender: Male
- Vice amministratore -
Praefectus Castrorum
Στρατηγός
La EE è di fatto il rilancio del gioco ad un annetto di distanza dal lancio iniziale, provvisto questa volta della patch che ha sistemato l'IA rendendo il gioco giocabile e con in più una campagna aggiuntiva dedicata ad Augusto vs Marco Antonio.
Ci sono state altre patch ovviamente, che vengono scaricate automaticamente da Steam, ma parlando della versione fisica non è stata rilasciata alcuna gold edition, comprendente al suo interno il gioco base (EE) più tutte le patch ed i DLC, ma solo alcune edizioni intermedie, che ne contengono solo alcuni
In definitiva, per avere tutti i DLC (minicampagne, fazioni giocabili aggiuntive) questi vanno acquistati digitalmente, da Steam o dagli altri negozi di key

Quello che dici riguardante il discorso copia fisica/digitale, sempre che sia effettivamente esistito il problema che esponi (non l'ho neanche capito al 100%, probabilmente sono troppo giovine e/o scemo) di fatto al giorno d'oggi non sussiste. Parlando dei total war (ma la cosa si estende ad un buon 95% e più dei giochi), questi sono associati alla piattaforma di Steam, quindi una volta presenti in libreria rimangono lì fin quando Steam ad esempio non chiuderà (ma qui parliamo di ucronia). In un quadro del genere, avere la versione scatolata non ti darebbe comunque nessuna sicurezza aggiuntiva

Il solo ed unico motivo per il quale è sensato preferire l'acquisto delle versioni fisiche normali (non le collector's edition con statuine e robe varie) è il risparmio di un bel po' di GB di download, che però in molti casi si annulla dalla presenza di patch mastodontiche che, tra modifica di buona parte dei file del gioco base ed aggiunta di altri riguardanti i DLC, finiscono col mettere in ginocchio le deboli connessioni italiane.
In definitiva, per Rome non ha molto senso comprare la versione fisica (ti ritroveresti comunque con almeno una decina di GB da scaricare, quindi saresti punto e accapo), mentre via libera per quanto riguarda Empire e Shogun 2 (che comprendendo tutte le patch ed i dlc ridurresti al minimo l'utilizzo della connessione internet). Non so però dove potresti trovarle e a quanto, a parte ebay magari...però lì devi stare attento, se il codice è già stato utilizzato dei cd poi non ci fai più niente
[Edited by andry18 8/23/2017 8:44 PM]


"Per una scodella d'acqua, rendi un pasto abbondante; per un saluto gentile, prostrati a terra con zelo; per un semplice soldo, ripaga con oro; se ti salvano la vita, non risparmiare la tua. Così parole e azione del saggio riverisci; per ogni piccolo servizio, dà un compenso dieci volte maggiore: chi è davvero nobile, conosce tutti come uno solo e rende con gioia bene per male" - Mahatma Gandhi

"Sono le azioni che contano. I nostri pensieri, per quanto buoni possano essere, sono perle false fintanto che non vengono trasformati in azioni. Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo." - Mahatma Gandhi

"You may say I'm a dreamer, but I'm not the only one" - Imagine, John Lennon

"ma é bene se la coscienza riceve larghe ferite perché in tal modo diventa più sensibile a ogni morso. Bisognerebbe leggere, credo, soltanto libri che mordono e pungono. Se il libro che leggiamo non ci sveglia con un pugno sul cranio, a che serve leggerlo? Affinché ci renda felici, come scrivi tu? Dio mio, felici saremmo anche se non avessimo libri, e i libri che ci rendono felici potremmo eventualmente scriverli noi. Ma abbiamo bisogno di libri che agiscano su di noi come una disgrazia che ci fa molto male, come la morte di uno che ci era più caro di noi stessi, come se fossimo respinti nei boschi, via da tutti gli uomini, come un suicidio, un libro dev'essere la scure per il mare gelato dentro di noi." - Franz Kafka

"Odio gli indifferenti. Credo che vivere voglia dire essere partigiani. Chi vive veramente non può non essere cittadino e partigiano. L'indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti.
L'indifferenza è il peso morto della storia. L'indifferenza opera potentemente nella storia. Opera passivamente, ma opera. È la fatalità; è ciò su cui non si può contare; è ciò che sconvolge i programmi, che rovescia i piani meglio costruiti; è la materia bruta che strozza l'intelligenza. Ciò che succede, il male che si abbatte su tutti, avviene perché la massa degli uomini abdica alla sua volontà, lascia promulgare le leggi che solo la rivolta potrà abrogare, lascia salire al potere uomini che poi solo un ammutinamento potrà rovesciare. Tra l'assenteismo e l'indifferenza poche mani, non sorvegliate da alcun controllo, tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora, perché non se ne preoccupa; e allora sembra sia la fatalità a travolgere tutto e tutti, sembra che la storia non sia altro che un enorme fenomeno naturale, un'eruzione, un terremoto del quale rimangono vittime tutti, chi ha voluto e chi non ha voluto, chi sapeva e chi non sapeva, chi era stato attivo e chi indifferente. Alcuni piagnucolano pietosamente, altri bestemmiano oscenamente, ma nessuno o pochi si domandano: se avessi fatto anch'io il mio dovere, se avessi cercato di far valere la mia volontà, sarebbe successo ciò che è successo?
Odio gli indifferenti anche per questo: perché mi dà fastidio il loro piagnisteo da eterni innocenti. Chiedo conto a ognuno di loro del come ha svolto il compito che la vita gli ha posto e gli pone quotidianamente, di ciò che ha fatto e specialmente di ciò che non ha fatto. E sento di poter essere inesorabile, di non dover sprecare la mia pietà, di non dover spartire con loro le mie lacrime.
Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo. E in essa la catena sociale non pesa su pochi, in essa ogni cosa che succede non è dovuta al caso, alla fatalità, ma è intelligente opera dei cittadini. Non c'è in essa nessuno che stia alla finestra a guardare mentre i pochi si sacrificano, si svenano. Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia, odio gli indifferenti." - Antonio Gramsci

http://www.youtube.com/watch?v=_M3dpL4nj3Q
https://www.youtube.com/watch?v=QcvjoWOwnn4
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
 | 
Reply
Cerca nel forum
Tag discussione
Discussioni Simili   [vedi tutte]

Feed | Forum | Bacheca | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.6.1] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:50 PM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2024 FFZ srl - www.freeforumzone.com


© The Creative Assembly Limited.
All trade marks and game content are the property of The Creative Assembly Limited and its group companies.
All rights reserved.